Menu Chiudi
Posted in Terrazzo/balcone

Decorare il balcone con piante rampicanti fiorite: 8 idee per incantarvi

Decorare il balcone con piante rampicanti fiorite.

Condividi su:


Le piante rampicanti ci permettono di decorare il balcone anche se di piccole dimensioni. Ci aiutano infatti a creare delle macchie di colore stupende e in brevissimo tempo! Le varietà floreali per il balcone vanno scelte anche in base gli abbinamenti cromatici. Ecco alcuni consigli e idee per ispirarvi.

 

Le piante rampicanti fiorite per abbellire il balcone

Le piante rampicanti o ricadenti sono le migliori varietà per colorare il balcone senza molto sforzo. Pensate che una piantina di surfinia può raggiungere i due metri in poco tempo. Il glicine invece con i suoi grappoli floreali può addirittura coprire il balcone e magari salire dal piano terra attraverso un pergolato. Le soluzioni sono davvero molteplici e tutti di colori vivaci, potendo alternare le diverse cromie: immaginate un flora mix di gerani parigini bianchi e dell’edera o delle varietà di surfini rossa, oppure una dipladenia gialla e una petunia lilla.

Alcune varietà necessitano di poca terra e possono essere tenute nelle classiche balconette appese al davanzale, altre invece come il glicine preferirebbero la terrapiena e pertanto possiamo piantarle al piano terra facendole rampicare fino ai piani superiori.


 

8 idee per decorare il balcone con le piante rampicanti fiorite

Ora non vi resta che ispirarvi con le nostre idee per decorare il balcone con le rampicanti fiorite! Ecco alcune bellissime varietà.

 

Il geranio parigino

In questa foto vediamo un balcone decorato con un geranio parigino, anche detto ad edera, di colore viola. Il bianco della facciata viene messo molto in risalto. Fino a quando non abbiano sviluppato un casco così folto, potremmo predisporre due ordini di file, la prima appesa al davanzale, la seconda poggiata a terra ai piedi della ringhiera.


© stock.adobe

 

L’Edera

In questo caso la scelta dell‘edera è una scelta strategica: la nota pianta rampicante è una sempreverde e può  essere lasciata sul balcone tutto l’anno. Si può cambiare anche solo l’esemplare sulle balconette ovvero i ciclamini in inverno e dei gerani zonali in primavera/ estate, lasciando sempre l’edera in tutte le stagioni.

© stock.adobe

 

I Gerani

Un’esplosione di colore per questo balcone alpino. In molti si chiedono come facciano molte case ed hotel di montagna ad avere questo tipo di fioriture. In realtà oltre all’aria innegabilmente pura, gli accostamenti giusti fanno in modo di avere sempre una varietà fiorita.


In questo caso i gerani parigini rossi e rosa sono disposti addirittura su tre altezze, a davanzale, a metà  ringhiera e poi a terra in modo da creare questo magnifico cuscino ricco di fiori .

 

Il Glicine

Il glicine come abbiamo detto, difficilmente si coltiva in vaso per l’apparato radicale molto sviluppato.  Si può però piantare in giardino e far arrampicare sul balcone al piano sopra senza difficoltà dato che può raggiungere un’altezza di 10 metri.

I suoi fiori vanno dal viola-lilla, che prende appunto il nome dalla pianta, al rosa fino al bianco. In molti Paesi è considerata una pianta portafortuna e viene regalata in segno di buon augurio.

balcone con piante rampicanti con fiori
© stock.adobe

 

Rose + Surfinie

Sarete stupiti nel sapere che i vivaisti considerano più delicate le surfinie delle rose. Qui per rose intendiamo le varietà rampicanti anche se occorre fare una precisazione: la rosa non è  propriamente una rampicante perché  va sostenuta con dei reticolati con dei sostegni appunto.

Possono raggiungere però  i 3 metri di altezza. Fra le varietà  migliori che sono anche resistenti alle malattie fungine ci sono la Florentia e la  Cinderella con fiori dal colore rosa.

© stock.adobe

 

Gelsomino o Falso Gelsomino?

Riconoscere la differenza fra vero Gelsomino e Rincospermo è davvero difficile ad occhio nudo se non si è  esperti di botanica. Sono entrambe bellissime piante fiorite con profumi inebrianti e fiori elegantissimi bianchi.


Entrambe le varietà sono velenose e tossiche se ingerite, quindi attenzione agli animali domestici.  Si può coltivare in vaso sul balcone oppure far rampicante dal giardino dato che può svilupparsi fino a 6 m di altezza.

 

La Surfinia

La surfinia presenta una gamma infinita di varietà e permette di sbizzarrirci veramente con i colori. Particolare attenzione va prestata per l’annaffiatura. Non bisogna bagnare i fiori direttamente.

La pianta infatti va bagnata ogni giorno in estate facendo per attenzione a non esagerare perché l’apparato radicale marcisce velocemente.

© stock.adobe

 

La Diplademia

Un terrazzino del genere è veramente invidiabile: la diplademia è una varietà che si presta ad esser collocata in un balcone al sole pieno. Fiori rossi, fucsia e gialli sono splendidi fino a fine stagione. Teme però il freddo. Ha un fogliame verde scuro che ben ai combina con quello più  chiaro dell’edera .

© stock.adobe

 

Un balcone fiorito sa cambiare il volto di una casa. Grazie alle piante rampicanti o a portamento cadente, possiamo rendere meno anonima una facciata anonima con una cascata di fiori. Un balcone ricco di fiori richiede attenzioni ma sicuramente vi ripagherà con tante soddisfazioni!


Vi potrebbe interessare…

7 piante rampicanti con fiori perfette per un esterno colorato… ispiratevi

Condividi su:



Segui ideadesigncasa.org su Google News

Segui su Google News