Menu Chiudi

Categoria | Pavimenti - Rivestimenti

Come scegliere il parquet adatto per la casa?

Scopri tutti i tipi di parquet, colori, costi, quale il metodo per la posa.

Condividi su:


Scopri tutti i tipi di parquet, colori, costi, quale il metodo per la posa e tanta ispirazione.

La ristrutturazione della casa è un buon momento per approfittarne e cambiare anche i rivestimenti. In caso in cui vogliate posare il pavimento in legno, dovete cercare la soluzione migliore in base alle vostre esigenze. È importante essere esteticamente coerenti con l’arredamento e adattarsi al resto della casa in modo tale da creare armonia e non essere fuori tono. Il mercato offre tantissimi tipi di parquet, sta a voi fare la scelta giusta. Noi vi guideremo in questa ardua impresa e con questo articolo vi daremo qualche dritta sui pavimenti in parquet affinché possiate essere coscienti delle varie opzioni e riuscire a trovare quello che fa per voi. 

Per la posa del parquet, vi sono varie combinazioni e, al fine di trovare quella giusta, è bene farvi consigliare da un esperto. Per quanto riguarda, invece la scelta dei colori del parquet, l’opzione da prendere in considerazione dovrà dipendere dall’arredamento in caso in cui già abbiate una casa arredata e non vogliate cambiare. 

Per concludere, faremo una panoramica sui prezzi del parquet. In modo generale, affronteremo il discorso delle varie scelte che variano in base alla qualità del legno e ai mq.   


Il parquet, un pavimento in legno di qualità

Scegliere il pavimento in legno è una buona opzione non solo per le case di montagna, ma anche per la città. Infatti, il parquet è una soluzione che aiuta a mantenere la casa calda, soprattutto nei periodi invernali e, inoltre, è un buon isolante acustico in caso in cui viviate in condomini. 

Soggiorno con parquet a spina di pesce e pareti color azzurro.
© stock.adobe.com

 

Per quanto riguarda lo spessore del parquet standard può oscillare tra i 10mm e i 22mm. La posa del parquet moderno in casa è una scelta che può essere applicata in modo integrale in tutta la dimora. Infatti, anche il parquet per il bagno è una bella soluzione che esteticamente lascia il segno. 

Foto di un salotto con parquet scuro e divano nero con cuscini rossi e bianchi.
© stock.adobe.com

 


Il pavimento il legno per interno dona, senza dubbio, un’atmosfera elegante e lussuosa, ma bisogna fare attenzione sul legno per parquet su cui optare. Il parquet industriale, anche chiamato stepping floor, è consigliato in tutti i luoghi in cui vi è un calpestio continuo che ne determina la facile usura.

Salotto con tavolino e due sedie, pavimento parquet chiaro.
© stock.adobe.com

 

La pulizia è un fattore determinante da tenere in considerazione in caso in cui vogliate un parquet lucido. L’utilizzo della cera è un metodo tradizionale, cui risultato è eccellente, ad ogni modo, sul mercato vi sono prodotti appositi per il parquet, privi di ammoniaca e ingredienti troppo aggressivi.

Grande cucina angolare con rivestimento in parquet.
© stock.adobe.com

 


In caso in cui foste amanti del vintage, l’impiego del parquet grezzo è un’ottima soluzione. Lasciare il legno al naturale dona una sensazione di antico e rustico, tipico delle case di altri tempi. Mantiene eleganza e stile, affermandosi come un classico intramontabile. 

Foto di un salotto con divano angolare bianco e rivestimento pavimento in parquet.
© stock.adobe.com

 

I tipi di parquet

In caso in cui non sappiate proprio come scegliere il parquet, dovreste iniziare prima di tutto a prendere informazioni sulle caratteristiche che ogni tipo di legno può offrire e, insieme alle vostre necessità, scegliere quello che fa per voi.

Nel momento di scelta del legno per il pavimento in parquet, c’è anche da prendere in considerazione la presenza o meno del riscaldamento a pavimento. Infatti, in caso di presenza, è sconsigliato l’impiego del faggio, poiché parliamo di un materiale molto sensibile ai cambi di temperatura.  

Bel soggiorno con parquet grigio chiaro e pareti bianche.
© stock.adobe.com

 


Il parquet predefinito è un tipo di pavimento semplice da applicare anche al di sopra di altro pavimento già presente. Oltre alla facile applicazione, anche la manutenzione è abbastanza semplice. Per quanto riguarda i costi sono abbastanza contenuti rispetto al parquet tradizionale.

Soggiorno color tortora con divano beige e grande tappeto e pavimento parquet.
© stock.adobe.com

 

Il parquet in rovere è elegante e resistente ma, nonostante tutto, non potrete evitare l’incorrere in possibili graffi da usura. Lo si può trovare in una vasta gamma di tonalità e dovrete tenere in conto che il colore potrebbe subire modifiche nel tempo a causa dell’ossidazione, determinata dall’esposizione alla luce. Optare per un parquet predefinito in rovere agevolerà la fase della posa e manterrà l’eleganza, caratteristica fondamentale legata al materiale.

Camera da letto con parquet chiaro a spina di pesce.
© stock.adobe.com

 

Il parquet spazzolato è uno tra i più impiegati in tutti i tipi di case ed ha la caratteristica di mantenere l’effetto naturale che, in altri casi potrebbe perdersi a causa delle finiture. Una tra le caratteristiche positive di questo tipo di pavimento è sicuramente la facilità di pulizia. 

soggiorno con parquet spazzolato, vaso con pianta verde.
© stock.adobe.com

 

Il parquet laminato è anche conosciuto come finto parquet e, uno tra i vantaggi che lo caratterizzano, è il prezzo molto contenuto rispetto ad un pavimento in legno vero. Inoltre, la facilità di posa non è una caratteristica da sottovalutare, ma la qualità del laminato è di gran lunga minore rispetto al pavimento in parquet tradizionale.

come posare il parquet laminato.
© stock.adobe.com

 

Il parquet in bamboo è un incontro tra costi contenuti e bellezza del prodotto. La sua naturalezza delinea uno stile elegante e ricercato che si adatta ad quasi ogni tipo di ambiente. La sua caratteristica principale è la facilità di pulizia e resistenza nel tempo, non solo per quanto riguarda le macchie ed i raschi, ma anche per la resistenza all’umidità e lenta combustione.

Grande cucina angolare tortora con parquet in bamboo.
© stock.adobe.com

 


Il parquet d’ulivo ha delle tonalità di giallo scuro tipiche che sono inimitabili da altri tipi di legno. Tra le caratteristiche principali, oltre l’estetica, ha una facilità di riscaldare o raffreddare l’ambiente, adattandosi all’ambiente esterno con molta versatilità. 

Foto di un corridoio con parquet d’ulivo.
© stock.adobe.com

 

Il parquet multistrato, invece, si differenzia dai precedenti, appunto per la composizione di più strati che stabilizzano il legno. Lo strato più superficiale di un parquet in multistrato è costituito da legno nobile, mentre gli strati sottostanti da legni di minor qualità. Lo spessore di questo tipo di pavimento può arrivare fino a 15 mm.

Grande soggiorno luminoso con divano chiaro, travi in legno a vista e pavimento parquet multistrato.
© stock.adobe.com

 

I colori del parquet

I colori del parquet variano in base al tipo di legno scelto, ma ricordate anche che ogni scelta condizionerà inevitabilmente l’ambiente circostante. Per questo motivo, è essenziale che siate sicuri dell’arredamento e dei colori delle pareti, in modo tale da rendere la stanza un tutt’uno armonico, evitando drastiche incongruenze o eccessi di contrasto. 

Salotto con pavimento in parquet chiaro e divano bianco con isola.
© stock.adobe.com

 

In caso in cui vogliate ampliare gli spazi in modo tale da avere più luce in casa, optare per un parquet chiarissimo è la soluzione giusta. Sul mercato vi sono tonalità che spaziano dal bianco al grigio e, in caso in cui vogliate osare, potreste prendere in considerazione anche il parquet tortora.

© stock.adobe.com

 


L’acero americano è un legno per il parquet chiaro che determina un ottimo risultato e, nel contesto, si sposa perfettamente quasi con tutto e, a causa della poca ossidazione, permane nel tempo con il suo colore originale.

© stock.adobe.com

 

In caso in cui, invece, vogliate optare per un parquet vintage, la tonalità da prendere in considerazione è il grigio chiaro. Il legno che si presta a questo genere di pavimenti è sicuramente il rovere, ottimo anche per un parquet grigio scuro. 

© stock.adobe.com

 

Anche se il rovere è un legno fondamentalmente conosciuto e classificato tra le tonalità scure, con la sbiancatura vi è uno schiarimento del colore che può essere portato anche all’estremo attraverso un processo di sbiancatura a neve. Il parquet sbiancato è ottimo da utilizzare negli ambienti piccoli con un arredamento scuro.

Soggiorno con vetrate e parquet color rovere.
© stock.adobe.com

 

Il parquet castagno è resistente all’umidità, per questo motivo è consigliato in caso in cui vogliate posare il parquet in bagno. Di solito, è un legno che viene utilizzato per gli infissi e, optare per un pavimento in castagno potrebbe riprendere le finestre e porta, in modo tale da creare armonia. 

© stock.adobe.com

 

Il parquet ciliegio è catalogato tra i legni più eleganti che possono essere impiegati in una casa. Dona una sensazione di accoglienza e versatilità, per via della gamma di tonalità in cui si trova sul mercato. 

Soggiorno open space con parquet in legno scuro.
© stock.adobe.com

 

In caso in cui stiate pensando che quello che fa per voi è il parquet rosso, la scelta potrebbe ricadere sul Doussiè. In caso in cui stiate pensando a un legno ancora più pregiato, è consigliabile che la scelta ricada sul Mogano.

Scala rivestita di parquet rosso Doussiè.
© stock.adobe.com

 

Il parquet scuro, invece, non è ottimo per qualunque ambiente. Infatti, nelle case piccole il rischio da assumere è parecchio elevato, poiché rimpicciolisce gli spazi. Il parquet nero è consigliato nei grandi saloni in stile rustico e il rovere è ancora una volta un legno che si presta a questo tipo di tonalità. 

 Bellissimo bagno pavimento in parquet scuro e piante verdi.
© stock.adobe.com

 

Quale metodo per la posa del parquet è quello appropriato?

Nel momento di posa del parquet subentra anche la decisione del metodo con cui va applicato al pavimento, che dipende dal tipo di legno da impiegare. La posa del parquet è la fase che precede la levigatura ed è importante al fine di evitare problemi futuri. Generalmente vi sono tre tipi di posa: a colla, flottante o galleggiante e a chiodatura.

Soggiorno con travi in legno e parquet scuro, pareti e divano beige chiaro.
© stock.adobe.com

 

Il pavimento flottante è il metodo tipico nei casi in cui il parquet deve essere appoggiato su un pavimento già esistente. In tal caso, la posa flottante in appoggio ha come risultato il mantenimento di un buon isolamento e si applica soprattutto nei casi in cui il parquet da posare è un multistrato.

Salotto con pavimento flottante parquet.
© stock.adobe.com

 

La posa con colla è un’operazione molto più complicata rispetto alla precedente e, oltre alla difficoltà nella scelta del collante, vi è la vera e propria mano d’opera. Infatti, in caso in cui la posa a colla non venga fatta ad opera d’arte, si rischia che salti a causa degli sbalzi di temperatura a cui è sottoposto quotidianamente.

© stock.adobe.com

 

Come anticipato in precedenza, il terzo metodo di posa del parquet è la chiodatura, metodo tradizionale non adatto ad ogni tipo di legno. Infatti, per procedere con una messa in posa seguendo il metodo della chiodatura è necessario che le doghe di legno da applicare siano molto spesse. Per quanto riguarda il costo della messa in posa a chiodatura è sicuramente quello più caro delle tre modalità.

© stock.adobe.com

 

Costo del parquet

I costi del parquet variano in base alla tecnica della messa in posa scelta e dal tipo di legno. Solo la posa in media può costare dai 14€ ad un massimo di 50€. La lucidatura, invece, si aggira sui 20€. Per quanto riguarda la scelta del legno, bisogna prendere in considerazione più fattori che dipendono da quanto il legno è pregiato e dalla dimensione del listone.

© stock.adobe.com

 


Entrando più nel dettaglio, il rovere può arrivare ad un massimo di 50€/mq, mentre il doussié si aggira sui 70€/mq. Il laminato è la scelta più economica e lo si può trovare sul mercato anche a 15€/mq. L’acero ed il faggio sono legni abbastanza economici il cui prezzo può aggirarsi sui 20€/mq, così come il parquet industriale. In caso in cui vogliate optare per il legno bamboo, il costo si aggira sui 25€/mq.

© stock.adobe.com

Guarda anche: Rivestimenti per il bagno: piastrelle, mosaico, pietra, pavimentazioni… 50 ispirazioni

Condividi su:



Segui ideadesigncasa.org su Google News

Segui su Google News



Ispirati...